Le vibrazioni meccaniche esogene sono state studiate fin dai primi anni del novecento per capire quali possano essere gli effetti fisiologici.

Nonostante ci siano numerosi lavori che testimoniano la loro efficacia, l’utilizzo a scopo preventivo/terapeutico in ambito riabilitativo è ancora minimo.

La METODICA APA VIBROPERCUSSORIA rappresenta un ottimo mezzo per trasferire le vibrazioni meccaniche ai vari tessuti dell’organismo.

Il suo utilizzo sull’apparato muscolo-scheletrico ci permette di agire positivamente non solo a livello muscolare ma anche sui meccanismi neurologici e sulla circolazione dei liquidi.

risposte-fisiologicheChe le vibrazioni abbiano un effetto sulla contrattilità del muscolo ormai è cosa nota.

L’aumento dell’attività elettromiografica con un miglioramento della forza e della risposta muscolare dimostrano che attraverso la METODICA APA VIBROPERCUSSORIA si provoca una stimolazione del fuso neuromuscolare e degli alfa motoneuroni.

Se la stimolazione viene protratta nel tempo l’azione che si ha sui fusi è quella di inibizione.

Questo effetto può risultare utile nelle situazioni in cui si renda necessario abbassare la componente di scarica del fuso stesso.

Non solo, l’azione diretta su tutti i recettori muscolari (organi tendinei del Golgi, corpuscoli de Pacini e fibre di tipo III e IV) regola la scarica effettrice dei recettori stessi migliorando la propriocezione e la lunghezza muscolare.

La lunghezza del tendine del gastrocnemio, sottoposto a vibrazione prolungata aumenta del 1%.

Ovviamente è  una percentuale irrilevante rispetto ad un miglioramento della funzione muscolare ma è interessante per capire come il tessuto risponde in maniera positiva allo stimolo.

L’effetto tonico posturale delle vibrazioni è stato chiarito in uno studio su pazienti con lombalgia cronica in cui si evince che aumenta il controllo neuromotorio degli erettori spinali migliorando il loro adattamento in base agli sforzi richiesti.

La sincronizzazione dei recettori afferenti genera un miglioramento della propriocezione e del controllo cinestesico.

La gestione delle frequenze nella METODICA APA VIBROPERCUSSORIA ci permette di modulare il nostro intervento terapeutico in base alle necessità del paziente.

Le alte frequenze sono efficaci sull’ipotono neurologico, o sui muscoli facilitati (contratti), le basse frequenze sull’ipertono neurologico, o sui muscoli inibiti (deboli).

Le alte frequenze applicate ad un tendine per alcuni secondi (15”/20”) generano una contrazione lenta presente per tutta la durata dello stimolo che si protrae per qualche secondo dopo.

Questo riflesso spinale, noto come riflesso tonico da vibrazione, viene mediato dalle fibre efferenti del fuso neuromuscolare che “ingorgando” i circuiti neurologici verso il midollo con la conseguente riduzione della stimolazione del fuso stesso sul breve periodo, inibendo il riflesso miotatico.

Può essere considerato un buon meccanismo di controllo dell’ipertono muscolare.

L’applicazione delle vibrazioni sul ventre muscolare aumenta il segnale sul fuso neuromuscolare e inibisce quello sul Golgi con il risultato di aumentare la risposta eccitatoria del muscolo.

Ulteriori studi ci confermano che questo meccanismo avviene soprattutto a basse frequenze.

L’applicazione di uno stimolo vibro-percussorio genera un’attivazione del sarcolemma con l’effetto di aumentare la permeabilità della membrana del miocita nonostante lo stimolo nervoso sia inadeguato. Questo è confermato dai lavori di Shiff.

risposte-fisiologiche-2La METODICA APA VIBROPERCUSSORIA oltre che in ambito terapeutico riabilitativo trova delle applicazioni ottimali anche in ambito sportivo, utilizzato su soggetti sottoposti ad allenamento di resistenza, aumenta il testosterone ed il lattato sierici, aumentando la risposta metabolica ed anabolica del muscolo.

Inoltre la somministrazione dopo uno sforzo muscolare riduce la produzione di CK (creatinchinasi) e quindi riduce la possibilità di danno muscolare da sovraccarico anaerobico.

Oltre ai buoni effetti muscolari e neurologici, non mancano i benefici vascolari.

Stimolando meccanicamente la fascia plantare si può prevenire tachicardia e diminuzione della pressione sanguigna successive ad immobilità.

Ciò è dato da un miglioramento della circolazione di ritorno sia venosa che linfatica.

L’applicazione di uno stimolo vibratorio per circa 30 minuti sulla fascia plantare ha invertito la caduta di pressione negli ipotensivi e ha aumentato la pressione sistolica di circa 20 mmHg in tutti i soggetti.

L’utilizzo di frequenze medio/alte pare abbia un effetto positivo sul gate control nella gestione del dolore (lo stesso riscontrato nell’utilizzo delle TENS).

Negli anziani l’utilizzo delle vibrazioni, oltre a stimolare la rigenerazione ossea (quindi non rappresenta una controindicazione per l’osteoporosi), stimola la produzione di cortisolo.

Ci si potrebbe dilungare ulteriormente nel descrivere i benefici dell’utilizzo della METODICA APA VIBROPERCUSSORIA a scopo terapeutico, ma era nel mio interesse fare una panoramica su quali possano essere le potenzialità di tale applicazione.

Ciò rende il vibro-percussore un attrezzo indispensabile nell’arsenale di chi si occupa di benessere e salute.

METODICA APA VIBROPERCUSSORIA, LA NUOVA FRONTIERA DELLA SALUTE

 

METODICA APA VIBROPERCUSSORIA, LA NUOVA FRONTIERA DELLA SALUTE


Tratteremo questo e altri argomenti nei prossimi corsi sulla metodica APA Vibropercussoria che si terranno nel 2021


 

Bibliografia:

Clinical Neurophysiology 129 (2018) 51–58

Contraction response to muscle percussion: A reappraisal of the mechanism of this bedside test

Christoph Czarnetzki, André Truffert, Abdelhafid Mekidecheb, Antoine Poncet,

Christopher Lysakowski, Martin R. Tramèr, Michel R. Magistris.

 

Conf Proc IEEE Eng Med Biol Soc. 2006;1:2875-7.

Reversal of lower limb venous and lymphatic pooling by passive non-invasive calf muscle pump stimulation.

Madhavan G1, Cole JP, Pierce CS, McLeod KJ.

 

Eur J Phys Rehabil Med. 2015 Aug;51(4):508. Epub 2014 Nov 11.

Integration to focal vibration in neurorehabilitation.

Saggini R1, Bellomo RG.

 

Hum Mov Sci. 2017 Oct;55:221-228. doi: 10.1016/j.humov.2017.08.018. Epub 2017 Sep 1.

Local vibration inhibits H-reflex but does not compromise manual dexterity and does not increase tremor.

Budini F1, Laudani L2, Bernardini S3, Macaluso A4.

 

Journal of Chiropractic Medicine – Volume 18, Issue 2, June 2019, Pages 97-105

Inhibitory Effects of Prolonged Vibratory Stimulus on the Maximal Voluntary Contraction Force and Muscle Activity of the Triceps Brachii: An Experimental Study

Author links open overlay panel RikiyaShirato OT, PhDa Hiroya Sakamoto OTb, TatsuyaSugiyama OTc, MisatoSuzuki OTd, Runa Takahashi OTe, Tatsuya Tanaka OTf.

 

J Sports Med Phys Fitness. 2005 Sep;45(3):324-36.

Vibrations and their applications in sport. A review.

Issurin VB1.

 

PLoS One. 2015 Aug 26;10(8):e0135838. doi: 10.1371/journal.pone.0135838. eCollection 2015.

The Effects of Vibration and Muscle Fatigue on Trunk Sensorimotor Control in Low Back Pain Patients.

Boucher JA1, Abboud J2, Nougarou F3, Normand MC4, Descarreaux M3.

 

PM R. 2016 Nov;8(11):1083-1089. doi: 10.1016/j.pmrj.2016.03.004. Epub 2016 Mar 16.

Effect of Focal Muscle Vibration on Calf Muscle Spasticity: A Proof-of-Concept Study.

Seo HG1, Oh BM2, Leigh JH3, Chun C4, Park C5, Kim CH6.

Ti è piaciuto? Condividi!
Share on Facebook
Facebook
Share on LinkedIn
Linkedin
Tweet about this on Twitter
Twitter
Email this to someone
email
Print this page
Print